Kanelbullar – Pane speziato alla cannella

Kanelbullar

Kanelbullar

Ecco un classico, anzi classicissimo, dei dolci svedesi, i “Kanelbullar”. Si tratta di una sorta di pane dolce speziato al cardamomo e alla cannella, ottimo con il caffè svedese, quello lungo da sorseggiare senza fretta.
Eccovi la RICETTA ORIGINALE dai Kanelbullar svedesi (a me piace che si sentano molto le spezie quindi ho aumentato un po’ le dosi di cannella e zucchero).
Ho fatto diversi tentativi. Con più o meno burro. Dopo molti fallimenti e delusioni sono arrivata finalmente “ALLA RICETTA” .
Tempo: 2 ore
Pezzi: circa 20
Cosa serve: circa 20 pirottini (se ne può anche fare a meno)

Ingredienti:

Per l’impasto:

  • 25 g di lievito per impasti dolci
  • 75 g di burro (io uso quello danese NON salato)
  • 2 ½ dl di latte
  • 0,75  dl di zucchero semolato
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaio da the di cardamomo macinato
  • circa 7  dl di farina
  • 1 uovo sbattuto per spennellare
  • zucchero in granella per decorare

Per il ripieno:

  • 50 g di burro
  • 1  dl di zucchero semolato
  • 2  cucchiai da the di cannella

Preparazione:

1 – Sbriciolate il lievito in una ciotola.
2 – Fate sciogliere in una pentola il burro, aggiungete il latte e intiepidite fino a 37 gradi (immergendo il dito deve essere della stessa temperatura).
CONSIGLIO: per ottenere dei bullar più soffici NON sciogliete il burro ma di aggiungetelo a temperatura ambiente in piccoli pezzetti all’impasto.
3 – Sciogliete il lievito con un po’ del latte riscaldato, quindi aggiungete il resto del latte. Aggiungete sale, zucchero e cardamomo e mescolate.
4 – Aggiungete lentamente la farina fino ad ottenere un impasto morbido e liscio. Lavoratelo nella ciotola (con una forchetta o una frusta) fino a che non vedrete che si stacca dal bordo. A questo punta passate l’impasto su di un piano di lavoro e continuate ad aggiungere  farina fino a quando l’impasto non si appiccica più alle mani. Fate attenzione a non mettere troppa farina.
5. Rimettete in una ciotola (non fredda) e lasciate lievitare per circa 30/45 minuti. Se fa caldo la lievitazione non avrà problemi, se invece è inverno ed in casa non è proprio caldissimo, accendete per 1 minuto il forno al minimo, poi mettete dentro l’impasto a lievitare lasciando magari un piccolo spiraglio nello sportello del forno. Insomma, l’impasto per lievitare bene deve stare al calduccio (attenzione a non esagerare con il caldo che altrimenti cuoce)

Kanelbullar på plåten

6 – Mentre l’impasto lievita preparate il ripieno. Mescolate burro, zucchero e cannella fino ad ottenere una pasta omogenea e possibilmente senza grumi di burro che creano dei problemi durante la cottura.
7 – Lavorate un poco (poco!) l’impasto lievitato  e stendetelo in modo da ottenere una forma di circa 20 x 50 cm.
8 – Stendete il ripieno  di cannella e burro con le mani mettendolo prima a tocchetti e poi spalmandolo con le mani. All’inizio sarà un po’ duro per via del burro ma mano a mano che procederete il burro si scioglierà al contatto con le vostre mani e diventerà più facile. Cercate anche in questa fase di eliminare eventuali grumi di burro.
9 – Arrotolate quindi l’impasto facendo un rotolo nel senso della lunghezza come nella foto qui sotto.

Upprullad deg

Upprullad deg

10 – Tagliate delle fette spesse circa  1,5/2 cm e mettetele nei pirottini con la parte tagliata rivolta verso l’alto (oppure direttamente sulla carta forno).
11 – Lasciare lievitare per altri 30 minuti circa.
12 – Sbattete l’uovo e spennellate la parte superiore, spolverare infine con le granelle di zucchero.
CONSIGLIO: anziché spennellare usate uno spruzzino e mescolate il tuorlo con *pochissima* acqua e sale!
13 – Mettete su una teglia ben distanziati perché crescono e cuocete nel centro del forno a 225 gradi per 8-10 minuti o in forno ventilato a 200 gradi per 10-12 minuti.

I bullar possono essere congelati e si possono conservare nello scomparto del congelatore per almeno 3 mesi. A temperatura ambiente diventano rapidamente secchi quindi, se non si pensa di mangiarli subito conviene congelarli. Quando si vorranno poi mangiare sarà sufficiente scongelare lentamente nel forno a microonde o scongelare a temperatura ambiente e passare velocemente nel forno a microonde appena prima di servire in modo che siano tiepidi.

Kanelbullar 2012

Kanelbullar 2012

____________________________________________________

ARTICOLI CORRELATI:

 ____________________________________________________
Print Friendly

8 Comments

Filed under Dolci del Nord, Dolci natalizi, ricette nordiche

8 Responses to Kanelbullar – Pane speziato alla cannella

  1. tamara

    buonissimi! grazie mille per la ricetta! io però ho usato illievito di birra secco per pane e torte salate. proverò anche le altre ricette!
    ma se li ho cucinati la sera, dove li manetngo fino al mattino? li ho appena sfornati e volevo mangiarli anche a colazione…oltre che adesso dopo cena!

    • Ciao Tamara,
      sono contenta che tu li abba provati. Sì, sono proprio buoni.
      Il modo migliore per conservarli è metterli nei sacchetti di plastica (quelli per congelare). Mettili in frigo, si conservano per qualche giorno. Magari scaldali un attimo prima di mangiarli.
      Ciao e grazie per aver visitato il mio sito.

  2. Carmela

    Scusa, ma la dose della farina in dl non riesco a capiral, quanto sarebbe in grammi?

  3. Ciao! Innanzitutto ti volevo ringraziare per questa ricetta. Io fin’ora ho utilizzato una mia traduzione dallo svedese, ma è bello vedere che non mi sono sbagliata completamente!^^
    Una domanda: il lievito per dolci è migliore di quello di birra? Perchè fino ad ora io ho usato quello, ma le mie kanelbullar non si sono mai lievitate! ç_ç Quanto si lievitano le tue?

    • Ciao Gemma. Anche io ho usato il lievito di birra. Non si gonfiano tantissimo ma lievitano soprattutto quando sono già in forno. Buon lavoro con i tuoi kanelbullar!

  4. Giacomo

    Dopo aver provato varie ricette trovate online e vari impasti buttati perchè troppo appiccicosi, mi sono imbattuto nel tuo sito.
    Kanelbullar perfetti e un sacco di complimenti da tutti le bocche che hanno assaggiato.
    Sicuramente mi metteró alla prova su altre ricette qui presenti.
    Grazie :)

Leave a Reply