Semla – Il dolce svedese farcito con pasta di mandorle del martedì grasso

Ture Sventon – Ständigt denna semla – Interpretato da

Febbraio!
E’ un mese proprio faticoso. Il Natale è passato e manca ancora molto, molto tempo all’arrivo della Primavera.

In Svezia non si perde occasione per festeggiare qualcosa (non so come ma ho la netta sensazione che se la godano più che qui) e in questo caso lo spunto si ha con il periodo che va dal giovedì grasso al martedì grasso, giorni che in Italia coincidono con il Carnevale. Quale migliore occasione per preparare un dolce prima delle privazioni della Quaresima! Il dolce in questione è  la “Semla” (dal latino “simila” per farina), un dolce di semplice farina che nasconde al suo interno della dolcissima pasta di mandorle e completato con della panna montata, una “invenzione” recente.

In realtà oggigiorno gli affezionati del genere iniziano a mangiare le “semlor” già subito dopo Natale senza attendere. Attenzione però a non finire come il re Adolf Fredrik che nel 1771 si abbuffò a tal punto da morire per indigestione!

Åke Holmberg – Ture Sventon privatdetektiv

Säg “temla”, och många ler. Dì “temla” e molti sorrideranno!
Avranno sicuramente letto il libro per bambini di Åke Holmberg “Ture Sventon”, di professione detective privato al costante inseguimento dell’arci-nemico Ville Vessla.
Sventon ha un difetto di pronuncia che gli impedisce di pronunciare correttamente le “S” che in bocca sua diventano “T”. Non perde occasione per mangiarsi un “Temla” (ossia Semla). “Ständigt denna Vessla” (ancora questo Vessla) dice, addentando una “Temla” di cui non può fare a meno, una specie di droga, per risolvere i casi più spinosi. E per fortuna esiste una pasticceria, la sola, che la prepara tutto l’anno. “Fantastico!” per Sventon, “Inaccettabile!” per i tradizionalisti.
E’ talmente dipendente dalla “temla” che anche quando va in trasferta non manca di portarsi una scatola con il tradizionale dolce (vedi illustrazione del libro).

La serie è veramente esilarante e ve ne consiglio la lettura. Beh, veramente penso non esista tradotta in Italiano ma in svedese potete acquistarla online qui.

Bando alle ciance! Ecco la ricetta per preparare delle tradizionalissime Temlor, ehm, volevo dire Semlor!

Semlor tradizionali:
(ingredienti per 40 semlor)

Semla – Brioches dolce svedese farcita di pasta di mandorle in attesa della Quaresima

 

Impasto:

50 grammi di lievito (per paste dolci)
175 grammi di burro
5 dl di latte
2 dl di zucchero (160g)
2 cucchiaini da the di cardamomo macinato
1 cucchiaino da the di sale
circa 1,5 l farina (900g)
1 uovo sbattuto per spennellare la superficie
zucchero a velo

Farcitura:

200 grammi pasta di mandorle (Attenzione: non è marzapane. Trovate la ricetta qui)
(3 cucchiai di zucchero)
8-9 dl di panna da montare

Preparazione:

  1. Sciogliete il burro in una casseruola e aggiungete il latte. Fate riscaldare fino a 37 gradi (ossia mettendoci dentro il dito non dovreste sentire variazione di temperatura).
  2. Sbriciolate il lievito in un contenitore e aggiungete il cardamomo macinato.
  3. Versate il liquido scaldato (latte e burro) nel contenitore e mescolate fino a quando il lievito si è completamente sciolto.
  4. Aggiungete la farina lentamente e impastate. Fate attenzione a non mettere troppa farina perchè la lievitazione ne risentirebbe. L’impasto deve risultare morbido e leggermente appiccicoso (ma non si devono appiccicare i pezzi sulle mani).
  5. Aggiungete zucchero e sale e mescolate fino ad ottenere un impasto liscio.
    La pasta va lavorata per almeno 15 minuti, meglio se si usa una impastatrice ma va bene anche a mano.
  6. Lasciate lievitare la pasta fino a quando abbia raddoppiato il suo volume, circa 30 minuti.
  7. Mettete la pasta su di piano di lavoro e dividete in pezzi di circa 40 grammi. Formate delle palline e mettetele su una teglia unta o ricoperta con carta da forno. Fate attenzione a lasciarle parecchio distanziate fra loro poiché dovranno crescere ancora del doppio del loro volume.
  8. Lasciate quindi lievitare per ancora 50-60 minuti circa, fino a che il loro volume sia raddoppiato (il tempo può variare).
  9. Spennellate la superficie con l’uovo sbattuto (usate sia il tuorlo che l’albume).
  10. Infornate nella parte centrale del forno a 225 gradi per circa 10 minuti e lasciate poi raffreddare su una griglia.
  11. Quando “semlorna” saranno completamente raffreddate tagliate un coperchio e togliete un po’ di mollica scavando con la forchetta. Mescolate con l’aiuto di un mixer la mollica con la pasta di mandorle e qualche cucchiaio di panna (non montata) fino ad ottenere una massa compatta e liscia.
  12. Montate la panna aggiungendo un paio di cucchiai di zucchero (a vostra scelta) fino a farla diventare abbastanza soda.
  13. Riempite ogni “semla” con la pasta di mandorle e utilizzando un sac-à-poche completate con la panna.
  14. Rimettete il coperchio e cospargere con zucchero a velo prima di servire.

Come si mangiano?
Cominciate dal coperchio, poi addentate il ripieno e infine la pasta. Oppure aprite al massimo le fauci ed affondatele nella pasta di mandorle e nella panna montata.
Se siete schizzinosi potete usare la forchetta (forse però dovrete chiederla) ma potete usare anche un cucchiaino.
Alcuni amano mangiare le semlor in una ciotola con del latte caldo. A voi la scelta!

____________________________________________________

ARTICOLI CORRELATI:

 ____________________________________________________
Print Friendly

4 Comments

Filed under Dolci del Nord

4 Responses to Semla – Il dolce svedese farcito con pasta di mandorle del martedì grasso

  1. Salve! Mi interessa molto questo blog perchè ho una vera passione per tutto ciò che è nordico!! Me lo segno trai preferiti. Complimenti!!!

  2. Rebekkah

    ti faccio i miei complimenti, il tuo blog è semplicemente stupendo! :)

Leave a Reply