Moraklocka – La pendola svedese dei contadini

Moraklocka – Pendola svedese Mora

Ebbene sì! Alla fine non abbiamo saputo resistere alla tentazione di avere una pendola svedese Mora  (Mora clock) a casa. E così, armati di pazienza, ci siamo messi alla ricerca della “pendola perfetta”. Eccola! In tutta la sua semplice eleganza.

Visto che alla fine, a furia di cercare, mi sono incuriosita ho cercato di ricostruire la storia di queste pendole. E ora ve la racconto ….

Bisogna andare parecchio indietro nel tempo in Inghilterra, nel 1600, dove è nata la pendola da terra e da cui trae ispirazione la pendola svedese.

In Svezia divenne molto popolare quando, intorno alla metà del 1700, si iniziò la produzione di meccanismi per orologi nello stabilimento di Stjärnsund, nella regione dei Dalarna, dove si formò anche una scuola di orologiai specializzati (inizialmente povera gente). I meccanismi una volta usciti di fabbrica venivano  consegnati a dei venditori ambulanti, mentre la parte in legno della cassa veniva realizzata da artigiani sparsi nella zona di Mora  oppure, a volte, direttamente su commissione del compratore … ed è questa la ragione per cui erano una diversa dall’altra. Ed è anche questa la ragione per cui la parte meccanica è generalmente firmata (da un maestro orologiaio) mentre la fodera in legno e le decorazioni, nonostante a volte siano veramente pregevoli, restavano senza firma.

Illustrazione di Kerstin Frykstrand dal libro “Min skattkammare vol.1”

Dunque perché una pendola possa essere effettivamente considerata un Moraklocka bisogna che non solo il quadrante ma anche il meccanismo sia firmato, non necessariamente la fodera.  La sigla A.A.S. sta per Krang Anders Andersson e divenne una sorta di marchio di originalità per i Moraklocka  ma è stato spesso falsificato (per questo è importante controllare la firma anche sul meccanismo se si è alla ricerca dell’originalità). Ad ogni modo esistono molti moraklockor non firmati o con firme diverse e non per questo meno belli!

La prima pendola realizzata a Mora e firmata risale al 1750 e alla fine del ‘700 era diventata una sorta di “status ”  possederla tanto che la produzione divenne sempre più fiorente. Inizialmente la forma era diritta a somiglianza degli archetipi inglesi, successivamente le forme divennero più sinuose probabilmente per l’influenza dello stile roccocò di colore bianco e poi ancora vennero dipinte con decorazioni di fantasia.

Print Friendly

5 Comments

Filed under artigianato nordico

5 Responses to Moraklocka – La pendola svedese dei contadini

  1. Interessante, mi piace conoscere l’origine delle cose…. e poi queste pendole sono molto decorative!

    • Ciao Marita,
      grazie per i tuoi commenti.

      Sì, le Moraklockor sono molto decorative ed occupano anche poco spazio, a differenza dei bauli delle spose :-)

      Ho dato una sbirciatina anche al tuo blog …. molto carino e interessante!
      A presto
      Laudie

  2. Ilaria

    Bellissima! Quanto l’avete pagata?
    Sarei interessata a trovarne una.

    Grazie
    Ilaria

    • Ciao Ilaria,
      belle sono difficili da trovare.

      Sul prezzo incide molto il trasporto. Conti alla mano il costo si aggira tra 1200 e i 2000 euro a seconda dello stato di conservazione. Non sempre sono funzionanti ma la meccanica è semplice e si riparano senza grossi problemi.

      Se me ne capita un’altra tra le mani bella ti avverto!

      Ciao
      Laudie

  3. Pingback: Dalahäst – il cavallo intagliato della regione dei Dalarna | stile nordico

Leave a Reply