La natura umanizzata nelle fiabe e nella cultura del Nord

Blåsippa – Illustrazione di Elsa Beskow dal libro di canzoni “mors lilla Olle”

In Svezia, molto più che da noi, la natura occupa una posizione di primo piano nel sentimento collettivo e viene vissuta con estremo rispetto e amore.

Ecco che quindi le fiabe si popolano di personaggi in cui la natura si fa umana e vive la sua vita secondo i suoi ritmi.

C’è la piccola Blåsippa (anemone blu) che fa timidamente capolino all’inizio della primavera e poi le fragoline di bosco che si inchinano con riguardo al cospetto delle nobili fragole.

Ci sono le “älvor”, eteree figure composte di rugiada che danzano e giocano nel bosco insieme ai piccoli Tomtebobarnen sotto l’occhio divertito delle rocce e della luna e delle lepri incuriosite.

Älvor dal libro di Elsa Beskow “Tomtebobarnen”

Smultron – Illustrazione di Elsa Beskow dal libro

E’ una natura felice ed amichevole quella che ci osserva nel bosco. Un bosco fatto di abeti, pini e querce. Il sottobosco è morbido di un muschio sofficissimo. Ci si potrebbe dormire comodamente.

Min skattkammare – Rida Rida Ranka – index

Bergtroll dal libro di Elsa Beskow “Tomtebobarnen”

Il bosco è  nostro amico e noi ne facciamo parte! Ma dobbiamo rispettarlo perché  anche se è nostro amico non significa che non si possa arrabbiare se noi lo provochiamo.

Illustrazione di Eva Andersson dal libro Snipp Snapp Snorum – trädgådsmästarna

Il bosco è generoso di funghi di ogni genere e mirtilli blu e rossi. E cosa c’è di meglio, allora, che una festa all’ombra di mirtilli , grandi come mele, seduti comodamente su sgabelli di cantarelli che generosamente il bosco mette a disposizione.

Se vogliamo raccogliere i mirtilli ecco che ci vengono in aiuto i piccoli Blåbärspojkar, i figli del Re dei Mirtilli.

Blåbärspojke – Illustrazione di Elsa Beskow dal libro “Puttes äventyr i blåbärsskogen”

E con che generosità ci aiutano!
Si arrampicano sui cespugli di mirtilli (che poi per loro sono veri e propri alberi) con un’abilità straordinaria e raccolgono solo i frutti maturi facendo attenzione a non rovinare quelli in maturazione.

E poi ci sono Tomtebarnen. I piccoli abitanti del bosco che vivono con mamma Tomtemor e papà Tomtefar nel bosco. Il loro cappucci assomigliano a teste di Amanita Muscaria e il loro papà ha l’aspetto di una pigna!

Tomtebarnen – Illustrazione di Elsa Beskow dal libro “Tomtebobarnen”

Parlano con gli scoiattoli e tutti gli abitanti del bosco e si arrampicano su per gli alberi con estrema facilità.

Lingonflicka och Lingonmor – Illustrazione di Elsa Beskow dal libro “Puttes äventyr i blåbärsskogen” (particolare

E chi altri abita il bosco? Naturalmente Lingonflickorna con la loro mamma Lingonmor. Sono mirtilli rossi e le loro marmellate sono le migliori che si possano trovare!

Io la ricetta di Lingonmor l’ho provata e se volete potete fare altrettanto voi seguendo le indicazioni qui.

Videvisan – Illustrazione di Elsa Beskow da “Mors lilla Olle”

E quando il bosco si fa radura, ecco comparire le betulle. E i salici che a fine inverno ancora riposano con i loro delicati i pelosi boccioli.

E non possiamo dimenticare i Troll, enigmatiche figure (forse anche un po’ spaventose) che animano i boschi e si confondono con gli alberi. Guardate qui con che tenerezza osservano la triste principessa!

John Bauer – Troll

Print Friendly

1 Comment

Filed under libri svedesi per bambini, svezia

One Response to La natura umanizzata nelle fiabe e nella cultura del Nord

  1. Letto e ammirato tutto con molto interesse. Grazie!

Leave a Reply to marita Cancel reply