Tandfén – la fatina del dentino

 

Tendfén

Chi è la “fatina del dentino”? E’ l’equivalente di quello che in Italia è il topolino che di notte porta una montetina ai bambini quando perdono i loro denti da latte.

Il dente deve essere messo sotto il cuscino e se la fatina del dentino è di buon umore allora il fortunato bambino troverà al suo posto una monetina.

Tendfén kommer under natten

Tendfén - MugAlcuni preferiscono mettere il dente in un bicchiere pieno d’acqua.

Le tradizioni legate alle usanze riguardo al delicato momento in cui un bambino perde i denti da latte variano da paese a paese.

In Giappone ed in India per esempio i bambini vengono esortati a lanciare i loro dentini sui tetti delle case ed esprimere il desiderio che i nuovi denti crescano sani.
In Egitto e medio oriente vengono arrotolati in un fazzoletto e si lanciano in direzone del sole esprimendo ancora il desiderio che i nuovi denti crescano forti e sani.
In Senegal vengono nascosti con cura perché se una rana li dovesse trvare e mangiare al malcapitato bambino non cresceranno più denti.
In Francia e nei paesi di lingua francese a fare visita è La Petite Souris, un topolino che porta un piccolo regalo (spesso un piccolo pendaglio in argento da appendere su un braccialetto).
Anche in Germania arriva un regalo e in Chile i bambini faticano ad addormentarsi nell’attesa di  El Ratoncito, il topolino del dente che si intruffola sotto al cuscino per scambiare il dente con una monetina.

Rose Lagercrantz och Rebecka Lagercrantz -TandfénIn Svezia sono stati scritti alcuni libri per bambini sull’argomento, come questo di Rose e Rebecka Lagercrantz.

“Nanna ha appena avuto un sorella minore. Un giorno la sorellina di Nanna riceve molti regali ma anche Nanna ne riceve uno speciale dalla nonna. Si tratta di una piccola bambola che è una fata, per la precisione la fatina del dentino che riesce a trasformare i denti in oro.
Ed ecco che improvvisamente Nanna un giorno ha un dente che dondola e tutti voglio provare a muoverlo, la mamma, i bambini all’asilo ed anche la maestra Monica. Ma più di tutti è nanna stessa che lo fa dondolare. Ma quando la mamma va a prendere Nanna all’asilo con la sorellina tutti guardano solo lei…”

Il libro era in vendita da Bokus.com ma ora è esaurito.
Qui la pagina dell’editore. (RABÉN & SJÖGREN)

Linda Ulfvaeus - Johanna Lundqvist -Lejla li ochTandfénUn’altra scrittrice per bambini che ha scritto riguardo alla fatina del dentino è Linda Ulfvaeus (con illustrazioni du Johanna Lundqvist) qui in versione con allegato anche un audiolibro.

“Leja li ha perso un dente e come tutti sanno questo significa che riceverà la visita della fatina del dentino durante la notte che trasformerà il dentino in una moneta. Leja li vorrebbe vedere la fatina quando arriva ma proprio non ce la fa a tenersi sveglia.”

Lo trovate, in svedese, su Bokus qui: LINK

Oppure godetevi questo corto, sottotitolato in inglese, di Maria Eriksson (LINK) con Liv Mjönes e Wanda Wigren.

“Elsa è l’unica bambina al mondo a non aver perso un dente e allora con l’aiuto di una amica …”

Print Friendly

4 Comments

Filed under usanze della Svezia

4 Responses to Tandfén – la fatina del dentino

  1. Questo bellissimo !!! Mi ricordo che mia zia mi regalava ogni volta 500 lire d’argento, ahh i bei tempi andati, adesso se mi cade un dente devo correre dal dentista !!!!

  2. laura

    eh…ma allora non vale! e se la fatina non è di buon umore ? non è giusto! :-)
    qui cominicia il salvadanaio per il dentista….! 😉
    ciao!

  3. Sono ritornata alla mia infanzia e a quella delle mie figlie :o))

Leave a Reply