Il rabarbaro, questo sconosciuto: Torta soffice al rabarbaro con scaglie di cocco – Mjuk rabarberkaka

Torte soffice al rabarbaro con scaglie di cocco - Mjuk rabarberkaka

Torte soffice al rabarbaro con scaglie di cocco – Mjuk rabarberkaka

Sì, il rabarbaro, questo sconosciuto. Perlomeno in Italia dove per trovarlo bisogna andare da ortolani che lo vendono a peso d’oro, neanche fosse un ortaggio esotico.

In Svezia invece, quando inizia la stagione del rabarbaro (che è poi quella a cavallo tra maggio e giugno), è un tripudio di torte, crostate, muffin e preparazioni varie tutte con il comun denominatore dell’agognato oratggio.
Beh, quest’anno ho fatto anche io la mia parte ed ho preparato una soffice torta al rabarbaro con scaglie di cocco. L’accoppiata rabarbaro (che ha notoriamente un gusto asprigno) e cocco è sicuramente vincente e mi ritengo soddisfatta del risultato ottenuto.

Ho portato la torta da amici americani che ci avevano invitato a cena e la hanno apprezzato anche loro. Quindi eccovi la ricetta per preparare una spledida, oltre che buona “torta soffice al rabarbaro con scaglie di cocco”. Se volete potete accompagnarla con del gelato alla vaniglia ma è buona anche senza!

Gli ingredienti della torta al rabarbaro

Gli ingredienti della torta al rabarbaro

Ingredienti:

– 2 uova
– 2 dl zucchero semolato
– 1 cucchiaio da the di zucchero vanigliato (io uso quello svedese, forse se usate quello italiano ne serve di più)
– 2 cucchiai da the di lievito per impasti dolci (non vanigliato)
– 3 dl farina di grano 00
– 1 dl di panna
– 100 gr di burro sciolto (io uso quello danese  – non salato)
– 500 gr di rabarbaro
– 1 dl di scaglie di cocco
– Zucchero a velo
– Pane grattato per la teglia
La torta prima di essere infornata

La torta prima di essere infornata

Preparazione:

  • Preriscaldate il forno a 175°C.
  • Montate le uova con lo zucchero in maniera che diventi un composto soffice (usate una ciotola capiente perché dovete poi versavi il resto della preparazione).
  • Mescolate lo zucchero vanigliato, il lievito e la farina in una scodella e unite poi alle uova montate.
  • Rigirarate in maniera da ottenere una miscela liscia ed omogenea.
  • Unite lentamente la panna e il burro fuso continuando a girare.
  • Versate tutto in una teglia imburrata e passata nel pane grattato.
  • Tagliate il rabarbaro e fettine (abbastanza sottili 3/4 mm) e ricoprite uniformemente il composto nella teglia. Schiacciatele leggermente con il palmo delle mani.
  • Cospargete con le sceglie di cocco.
  • Infornate per 40/50 minuti (fate la prova dello stecchino).
  • Spolverate con lo zucchero a velo.
Il risultato

Il risultato

 

____________________________________________________

ARTICOLI CORRELATI:

 ____________________________________________________
Print Friendly

12 Comments

Filed under Dolci del Nord

12 Responses to Il rabarbaro, questo sconosciuto: Torta soffice al rabarbaro con scaglie di cocco – Mjuk rabarberkaka

  1. claudia

    Buon giorno, Laudie…
    hai ragione che pochi intimi conoscono il rabarbaro , invece io lo adoro e l’ho conosciuto grazie la mia bisnonna svizzera tedesca…
    inoltre ho la fortuna di trovarlo nel giardino dei miei… cosi’ mi faccio la marmellata ….
    fantastica anche con le fragole…
    buona giornata a presto claudia

  2. Lorenzo Donati

    Ottima questa “rivalutazione” del rabarbaro !!

  3. laura

    Da questa ricetta davvero non so cosa aspettarmi.

    In realtà in Italia, mi dicevano, si Importava per farne di farmaci.
    Non so se per svantaggio economico, non credo per problemi ambientali, in effetti da sempre il Rabarbaro in Italia non si coltiva.

  4. Cate

    Ciao Laudie, anche mia mamma ha il rabarbaro nell’orto ( idea proveninte dalla Danimarca) anche se non è molto rosso e grosso (clima o qualità ? bho). Io ci faccio una gelatina che mi mangio con lo Yougurt (nuona anche con il gelato) e per renderla meno asprigna a volte ci aggiungo le fragole. Poi to mando la ricetta insieme a quelal del pane danese. Intanto mi copiao la tua torta.

  5. ciao vicina di blog, ho comprato una piantina di rabarbaro, ancora troppo giovane ma spero cresca, e quando lo farà, potrò ripetere la tua ricetta :)
    che mi ricorda la prima volta che ho assaggiato il rabarbaro.

  6. Sara

    Ottimo! La padrona di casa mia (abito in Norvegia ora) mi ha regalato un sacco di gambi di rabarbaro ma io non l’ho mai usato! Pensavo di farci una torta (che avevo assaggiato una volta in Irlanda) e credo proverò la tua ricetta. Ma il rabarbaro lo metti così crudo com’è? Solo tagliato a fettine? O va preparato prima in qualche modo?
    eh sì..il rabarbaro, questo sconosciuto! Per me sicuramente!
    Grazie mille!

    • Ciao Sara e benvenuta!
      Si’ il rabarbaro va messo crudo. Prima deve essere tagliato a fettine.
      Il rabarbaro ha un sapore abbastanza aspro. Ti consiglio di accompagnare la torta con un crema o un gelato alla vaniglia. Fammi poi sapere come e’ venuta!

      • Sara

        Grazie mille! E complimenti per il blog! Davvero molto bello e piacevole da leggere! :-) Sicuramente tornerò spesso.
        Domattina sperimento! E ti dirø di piu’..preparo la torta proprio per la festa di Midsommer (di cui hai parlato in altri post)! Non è così sentita qui in Norvegia, ma ho alcuni amici svedesi che hanno organizzato una piccola festa anche qui! :-)
        Ti farò sapere come va. Grazie ancora!
        Sara

Leave a Reply